Share |

Il consorzio di tutela

Il Consorzio tutela Radicchio Rosso di Treviso e Variegato di Castelfranco nasce nel 1996 a seguito della pubblicazione nella GUCE del Reg. (CE) 1263/96 che riconosceva l’Indicazione Geografica Protetta per il Radicchio Rosso di Treviso e il Radicchio Variegato di Castelfranco. Il Consorzio – così come espressamente previsto dallo statuto – ha funzione di tutela, di promozione, di valorizzazione, di informazione del consumatore e di cura generale degli interessi relativi alla denominazione IGP.

In particolare il Consorzio ha il compito di:

- vigilare sul corretto uso delle denominazioni Radicchio Rosso di Treviso I.G.P., nelle due tipologie precoce e tardivo, e Radicchio Variegato di Castelfranco I.G.P., così come previste dal Reg. (CE) 1263/96 e successive integrazioni e/o modificazioni, e tutelarle contro ogni abuso;

- vigilare sulla produzione dei radicchi medesimi al fine di salvaguardarne la tipicità e le caratteristiche peculiari previste dal disciplinare di produzione;

- promuovere e diffondere il consumo e la conoscenza del Radicchio Rosso di Treviso I.G.P., precoce e tardivo, e del Radicchio Variegato di Castelfranco I.G.P., in Italia e all’estero ed assicurarne la valorizzazione commerciale;

- assistere i produttori e i confezionatori al fine di agevolare e migliorare la produzione e la commercializzazione in Italia e all’estero del Radicchio Rosso di Treviso I.G.P. e del Radicchio Variegato di Castelfranco I.G.P.(ridondante), anche attraverso corsi di formazione.

I compiti affidati al Consorzio, grazie alla collaborazione di numerosi enti ed istituzioni, sono stati - in questi anni - portati avanti con efficacia e determinazione tanto da collocare il Radicchio Rosso di Treviso e il Radicchio Variegato di Castelfranco - in termini di qualità percepita - tra le eccellenze a livello internazionale. Il territorio di produzione del Radicchio Rosso di Treviso e del Radicchio Variegato di Castelfranco non rappresenta solamente un’area vocata per le produzioni orticole, ma anche un’ottima occasione per visitare ville, città murate, aree archeologiche, parchi naturalistici, centri termali. Nei comuni compresi nella zona di tutela, che investe le province di Padova, Treviso e Venezia, si mescolano usi, tradizioni, culture che affondano le loro origini nella notte dei tempi e che si sono tramandati fino ai giorni nostri costituendo un caleidoscopio davvero variegato, fatto di feste popolari, rievocazioni storiche, spettacoli teatrali, concerti e mostre.

La gastronomia di quest’area rappresenta la summa di alterne vicende che hanno visto questi territori investiti di fasti senza uguali e di dura povertà. Per queste ragioni la mensa di queste zone presenta, al contempo, piatti estremamente articolati e piatti di una semplicità e di un rigore estremo, uniti da elementi comuni come la capacità di coniugare i sapori della terra a quelli di mare, l’attenzione all’alternanza delle stagioni, il rispetto della tradizione e la capacità di innovazione.

Per maggiori informazioni:
www.radicchioditreviso.it

 

 

Articoli correlati:

 

Area stampa

organizzato da:

media partner:

partner promotori: